RICORDO DEI VESCOVI DEFUNTI

Il vescovo Oscar ha celebrato questa sera alle 18, affiancato da numerosi sacerdoti, l'annuale santa Messa di suffragio per i vescovi defunti della nostra diocesi, in modo particolare mons. Carlo Manziana, mons. Libero Tresoldi e mons. Angelo Paravisi. Presente la sorella e i parenti di quest'ultimo, scomparso il 3 settembre del 2004.
Ispirandosi al brano della lettera di San Paolo ai Corinti, proclamata nella Messa, mons. Cantoni ha parlato dei vescovi come servi dedicati totalmente al regno di Dio e dimentichi di loro stessi: “il loro scopo – ha detto – non è la ricerca della gloria personale, ma di quella di Dio e del bene del popolo. Persone che si identificano come servi e amministratori che devono rendere conto a Dio del loro operato.”
Riferendosi ai tre vescovi defunti, mons. Cantoni ha ricordato che “hanno voluto il bene della nostra diocesi, hanno lavorato in modo appassionato, accettando a volte anche umiliazioni. Hanno cercato non se stessi e quanto hanno fatto è stato un dono di Dio.”
Ed ha concluso affidando la nostra Chiesa alla loro intercessione.
Al termine della Messa, vescovo e sacerdoti si sono recati nella cappella che accoglie le spoglie dei pastori cremaschi, dietro l'antica cripta, è ha benedetto le loro tombe.