PASSERELLA CICLOPEDONALE SUL SERIO

Sono iniziati i lavori per la realizzazione della passerella ciclopedonale sul fiume Serio, che collegherà il quartiere di Castelnuovo con il centro città, sbucando su via IV Novembre all'altezza dell'intersezione con via Bombelli.
L'impresa che s'è aggiudicato l'intervento ha cominciato a diboscare le due rive e allo sbancamento del terreno nei punti in cui è prevista la posa del manufatto. Che, come si ricorderà, è stato previsto all'interno del piano integrato d'intervento per la nuova lottizzazione autorizzata al lato ovest di via Cremona – e denominato per l'appunto “Il ponte” – come opera di compensazione di standard urbanistico.
La realizzazione della passerella – che sarà a campata unica per evitare l'intralcio di piloni in alveo – è pertanto interamente a carico della società che ha fatto richiesta di edificare sull'area, dovendo inoltre provvedere alla formazione del percorso ciclopedonale di collegamento alle vie Cremona e IV Novembre sull'una e l'altra sponda, debitamente illuminato anche per un utilizzo in sicurezza in orario serale-notturno.
La società attuatrice il programma integrato d'intervento dovrebbe consegnare il manufatto entro la prossima primavera. Superate le complessità burocratiche della procedura istruttoria – con autorizzazione da ottenere da ben tre enti: Parco regionale del Serio, Autorità di bacino e Sovrintendenza ai beni ambientali – con tempi inevitabilmente lunghi, l'avvio dei lavori lascia presumere che i termini saranno rispettati.
“Si tratta di un'opera importante a cui teniamo molto”, commenta il Sindaco Stefania Bonaldi. “Abbiamo seguito questo piano fin dal primo giorno, con l'obiettivo di dare a due quartieri importanti come Castelnuovo e San Bernardino la possibilità di un percorso ciclopedonale sul fiume per muoversi in città con maggior sicurezza. I tempi si sono allungati a causa dell'ottenimento e della presentazione di tutti i permessi. Non si tratta infatti di un'opera piccola, ma di un vero e proprio 'ponte' sul fiume Serio, per cui era necessario fare tutti gli approfondimenti tecnici necessari e relative autorizzazioni.”