ARMENIA: IL PAPA CITA IL GENOCIDIO

Alla fine della giornata Papa Francesco l'ha pronunciata la parola impronunciabile: genocidio. Lo ha fatto parlando al palazzo presidenziale davanti al capo dello Stato e al corpo diplomatico, nel contesto del primo discorso politico di questo viaggio nel Caucaso.
La parola non era contenuta nel testo consegnato ai giornalisti e, dunque, nulla lasciava pensare che avrebbe subito affermato che quanto accadde nel 1915, e che solo Papa Benedetto XV aveva avuto il coraggio di denunciare apertamente, doveva essere chiamato con il nome di genocidio.
Oltre un milione e mezzo di morti in quella che è considerata la madre di tutte le violenze, le uccisioni in nome di un folle progetto di pulizia etnico-religiosa. Così Francesco nel suo discorso parla di esiti nefasti “cui condussero nel secolo scorso l'odio, il pregiudizio e lo sfrenato desiderio di dominio”. Ricorda il centenario del Metz Yeghérn, cioè il “Grande male” che colpi l'Armenia “e causò la morte di un'enorme moltitudine di persone. Quella tragedia, quel genocidio inaugurò purtroppo il triste elenco delle immani catastrofi del secolo scorso”.
Ma non si ferma qui Francesco. Parla di “aberranti motivazioni razziali, ideologiche o religiose”. Parla di due genocidi che si sono succeduti, e il pensiero corre sicuramente alla Shoah e alla tragedia che ha investito, pochi anni fa, i Balcani, tra l'indifferenza generale, anzi – sono le parole del Papa -, “mentre le potenze internazionali guardavano dall'altra parte”.
E se le parole non bastassero ecco il primo appuntamento della seconda giornata in Armenia per il Papa, la visita, alle 8 del mattino a Tzitzernakaberd, cioè la “Collina delle rondini”, il memoriale dedicato alla memoria dei massacri della popolazione armena sotto l'impero ottomano. Nel 2001 con Giovanni Paolo, II che deponeva un fiore davanti alla fiamma che perennemente arde al centro del mausoleo, anche Charles Aznavour che ha intonato l'Ave Maria.
Oggi con Francesco si reciterà il “Padre nostro” e si leggerà il passo del Vangelo di Giovanni: “Qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò”.