ASSOCIAZIONE DIABETICI IN ASSEMBLEA

L'oratorio del Duomo in via Forte a Crema, gentilmente concesso dal parroco della Cattedrale don Emilio Lingiardi, nella mattinata di sabato 16 aprile ha ospitato l'assemblea annuale dell'Associazione Diabetici del Territorio Cremasco, significativa realtà presieduta da Francesco Maestri.
Ad aprire l'incontro il saluto del vescovo monsignor Oscar Cantoni, il quale ha fatto riferimento al “guaritore ferito” e alla dimensione “affettiva”: per i malati, ha sottolineato, è importante sentirsi circondati da tenerezza e attenzione.
Molto gradito è stato anche il saluto del sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, che ha ricordato come solo un anno fa si parlasse di tutelare l'identità e l'autonomia del nostro ospedale, mentre il tema di oggi è legato a ridefinire dei perimetri in cui si collocheranno i vari Presidi. Un amministratore deve lasciare in eredità qualcosa che serva a tutti.
Si sono poi sesseguiti vari interventi. Tra questi, quelli del dottor Riccardo Murabito (presidente di Zona A III Circolo del Distretto Lions 108/Ib3) e del dottor Roberto Sfogliarini (direttore medico di Presidio dell'Asst Ospedale Maggiore di Crema). A seguire la dottoressa Silvia Severgnini, responsabile del Centro Diabetologico dell'ospedale cittadino, ha relazionato sull'attività del Centro stesso, mentre la dottoressa Elena Calzi, della Pediatria, ha parlato del diabete nell'età evolutiva. Il cardiologo dottor Paolo Valentini ha trattato il tema Complicanze cardiologiche nell'ambito del diabete.
Al di là dei compiti statutari, i lavori dell'annuale assemblea si sono svolti in un clima di soddisfazione e apprezzamento per l'alta qualità delle relazioni e la specifica professionalità dei relatori.
Si è trattato in tutto e per tutto di un convegno socio-sanitario che ha dato vita a un bellissimo intreccio di sinergia e integrazione, in una tematica così importante quale è quella della salute e delle istituzioni che concorrono al buon mantenimento o alla buona cura della stessa.