FATF – UN DONO DA ABU DHABI!

Il Fatf porta la sua esperienza anche fuori dall'Europa: il Teatro come ponte tra culture
Il teatro ragazzi come elemento fondamentale nell'educazione dei giovanissimi e nella crescita
delle loro conoscenze civili e sociali oltre che ponte tra le diverse culture. Parte da questa
consapevolezza la decisione degli organizzatori della fiera internazionale del libro di Abu Dhabi
di invitare il Franco Agostino Teatro Festival di Crema come esempio emblematico di un
progetto in questo senso. Nella prossima edizione, che andrà in scena dal 27 aprile al 2 maggio e
che vede l'Italia come Paese ospite d'onore, ci sarà dunque un grandissimo stand interamente
dedicato al teatro ragazzi e gestito dal Fatf. All'interno sono previsti momenti sia di divertimento
che di formazione. In particolare, gli amici di Dimidimitri di Novara (che a loro volta
organizzano il 20 e 21 aprile una pre rassegna del Fatf nella loro città), rappresenteranno per i
bambini di Abu Dhabi il loro spettacolo 'Dimidimitri Show' e li avvicineranno alla giocoleria e
alle attività circensi che possono essere decisive anche per lo sviluppo della loro fisicità.
Inoltre, Roberta Carpani, membro del Comitato Scientifico del Fatf e docente di Storia del
Teatro all'Università Cattolica di Milano, sarà presente per illustrare agli educatori locali le
dinamiche fondanti del Franco Agostino Teatro Festival, che vengono anche riepilogate in un
filmato (in lingua inglese e italiano) realizzato appositamente e che presto verrà pubblicato anche
sul sito del festival www.teatrofestival.it.
Significativamente, il titolo è “Il teatro come ponte tra le culture: istruzione, azione e l'arte della
vita”. Carpani dice e scrive, tra l'altro: “Senza frontiere. Il teatro è un linguaggio universale che
non si ferma ai confini fra le culture e i popoli, e scavalca le differenze di lingua: è azione, gesto,
movimento, danza, parola, canto, immagini, suoni, profumi, luce e buio, spesso anche silenzio. E'
un'arte che rappresenta la vita con i linguaggi della vita stessa e, per questo, tutti siamo
competenti a comprenderla. (.) Il Franco Agostino Teatro Festival, dal 1999 a Crema, ha
mostrato di saper costruire un modello che è stato ripreso in altre città italiane ed europee: la
città di Crema è stata un laboratorio in cui una pratica, inizialmente molto semplice, nel tempo si
è arricchita e approfondita, si è data una fondazione scientifica e ha definito un progetto di ampio
respiro, caratterizzato da molteplici attività distribuite lungo tutto l'anno scolastico. Al centro di
tutto il progetto si pone la convinzione che fare e vedere teatro sia una straordinaria occasione
educativa e di crescita: nel laboratorio teatrale i bambini e i ragazzi mettono in pratica e
combinano le arti e i saperi che studiano nella scuola; provano un'attività che li stimola a
rimescolare e rafforzare le relazioni positive fra di loro e con i docenti; si trovano in una
situazione creativa, si mettono in gioco in un luogo protetto, possono sperimentare il lavoro di
squadra e ogni apporto individuale può essere valorizzato; le abilità dei singoli sono messe a
frutto in una tessitura comune”.