L'UOVO DI PASQUA È MEGLIO FONDENTE

Uova di Pasqua, ovetti e coniglietti al cioccolato fondente, al latte, bianco, con le nocciole o decorato con fiori di zucchero sono una vera tentazione non solo per i golosi.
Senza dimenticare mai che il cioccolato ha un elevato contenuto calorico, tra il fondente, al latte e bianco è senza dubbio migliore quello fondente, spiega la dottoressa Sara Testa, dietologa dell'Unità di Chirurgia bariatrica dell'Ospedale Humanitas.
Il cioccolato fondente rappresenta una delle più importanti fonti alimentari di flavonoidi, cioè antiossidanti naturali presenti anche nel tè, nel vino rosso e nei frutti di bosco. Tanto maggiore è la percentuale di cacao nel cioccolato, tanto superiore sarà la quantità di flavonoidi che hanno dimostrato limitare gli effetti negativi associati a elevate concentrazioni di colesterolo nel sangue.
Inoltre grazie anche all'effetto antiinfiammatorio, i flavonoidi proteggono le arterie dai danni dell'aterosclerosi e prevengono malattie cardiovascolari come l'infarto e l'ictus.
Una tavoletta di cioccolato fondente da 100 grammi però contiene circa 500 Calorie che rappresentano il 16-25% del fabbisogno calorico giornaliero, mentre il cioccolato al latte e il cioccolato bianco, rispetto a quello fondente, oltre a essere più poveri di flavonoidi, hanno un potere energetico superiore del 10-15% e contengono piccole quantità di colesterolo, che è invece assente nel cioccolato fondente.
Dunque cioccolato sì, ma con moderazione. Più libertà agli sportivi o a chi conduce una vita attiva. Attenzione a chi soffre di emicrania perché il cioccolato contiene delle sostanze che possono favorirla, come per esempio la tiramina e feniletilamina che favoriscono la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore eccitatorio che, se in difetto, può provocare disturbi dell'umore, mentre se presente in eccesso spesso si accompagna ad emicrania.