CREMA – ASSOCIAZIONE EX ALUNNI RACCHETTI

L'Associazione degli ex-alunni del Liceo Ginnasio “A. Racchetti” organizza la conferenza “Volizione: le nuove basi neurobiologiche della libertà dettate dagli RNA”, relatore: Vincenzo Silani
venerdì prossimi 11 marzo alle ore 21,00, in sala fra Agostino da Crema, Museo Civico di Crema e del Cremasco (Crema, Piazzetta Terni de Gregorj, 5).
L'Associazione degli ex-alunni del Liceo Ginnasio “A. Racchetti” – Crema propone ai propri associati e a tutta la cittadinanza, una conferenza sulle ricerche scientifiche svolte proprio da un ex alunno del liceo classico cittadino, il professor Vincenzo Silani, docente e ricercatore dell'Università degli Studi di Milano (opera presso l'IRCCS Istituto Auxologico Italiano). Il professor Silani intratterrà la platea cremasca dissertando delle nuove scoperte in ambito neurobiologico, con particolare riferimento all'RNA (l'acido ribonucleico, che assieme al più famoso DNA, sovrintende all'espressione del patrimonio genetico), di cui negli ultimi anni si è messa in evidenza l'importanza per l'evoluzione a livello neurologico degli individui.
Il professor Vincenzo Silani, nato il 24 Aprile 1952 a Brescia, dopo la Maturità Classica al Liceo Racchetti, Crema, ha ottenuto la laurea in Medicina e chirurgia(1977) e le specializzazioni in Neurologia (1981) e Neurochirurgia (1989) con lode presso l'Università degli Studi di Milano, svolgendo attività di medico e di ricercatore sia in Italia che all'estero.
Dal 2015 ordinario di Neurologia dell'Università degli Studi di Milano, è Direttore dell'Unità operativa di Neurologia – Stroke Unit e Laboratorio di Neuroscienze dell'IRCCS Istituto Auxologico Italiano dal 2002 e Direttore del Centro Dino Ferrari per la Diagnosi e Terapia delle Malattie Neuromuscolari e Neurodegenerative dell'Università degli Studi di Milano.
Nel duplice incarico clinico e di ricerca ha largamente contribuito allo studio delle malattie neurodegenerative e cerebrovascolari, formando negli anni nuove generazioni di neurologi e di neuroscienziati mediante ampi scambi collaborativi con le più prestigiose istituzioni Europee e Nord-Americane.