COMUNICATO DI CURIA

Il restauro della Cattedrale e il relativo adeguamento liturgico del presbiterio hanno fatto maturare nel Vescovo la convinzione che il trasferimento delle Specie Eucaristiche dalla cappella di San Pantaleone a quella del crocifisso potesse rappresentare una valida opportunità per aiutare i fedeli a cogliere il profondo legame che esiste tra il Sacrificio di Gesù sulla Croce (simboleggiato dall'immagine del venerato Crocifisso) e la sua rinnovazione nel Sacrificio della Messa, rappresentato dalle Specie Eucaristiche. Essendo però l'altare del crocifisso sprovvisto del tipico manufatto per la conservazione dell'Eucaristia, si era deciso di dotarlo in un Tabernacolo di nuova creazione, nel rispetto – il più possibile – delle caratteristiche storico-artistiche della cappella.
Si ricorda che tra le funzioni del Vescovo diocesano è compresa l'emanazione di norme circa la conservazione e la venerazione dell'Eucaristia, come si evince dai canoni 934-944 del Codice di Diritto Canonico, e dal numero 69 dell'Esortazione Apostolica postsinodale Sacramentum Caritatis di Papa Benedetto XVI.

Motivi di urgenza – come l'imminente riapertura della Cattedrale – nonché il carattere di provvisorietà dell'intervento stesso, avevano suggerito di affrettare i tempi della sua realizzazione, trovando in questo anche una certa comprensione da parte della Soprintendenza Regionale.

Ora, essendo venute meno le suddette condizioni, la Diocesi provvederà a presentare alla Soprintendenza Regionale alcuni progetti riguardanti il posizionamento definitivo di un Tabernacolo fisso (a norma del canone 938 del Codice di Diritto Canonico) per la conservazione dell'Eucaristia nella cappella del Crocifisso, con la relativa richiesta di autorizzazione.

Pertanto
SI AVVERTE CHE

da Domenica 17 Gennaio 2016 le Specie Eucaristiche verranno provvisoriamente di nuovo collocate, per l'adorazione e la preghiera personale, nel tabernacolo della cappella di San Pantaleone.

Crema, 4 Gennaio 2016
Vagni Don Alessandro
Cancelliere